L’Essere Consapevoli (4ª parte)

*

[Segue dalla 3ª parte: leggi qui]

In ogni dimensione in cui è situata la nostra cosxienza esiste una qualità peculiare, una natura rilevante capace di adattarsi proprio per quella specifica esperienza. Esistono diversi stati di cosxienza e quindi molteplici modalità in cui si è consapevoli dei propri mondi interiori; in ogni caso è sempre l’Attenzione a determinare la qualità dell’insegnamento insito in ogni singola esperienza, donandogli o meno il giusto senso e l’auspicata profondità.

La Consapevolezza è dunque influenzata sempre dal livello di attenzione con cui si considerano gli eventi sperimentati. Associare la qualità dell’esperienza alla sola piacevolezza o alla felicità che ne può derivare è ignoranza manifesta, in genere dettata da credenze personali reiterate e cristallizzate. Qualsiasi approccio alla Vita vela per natura una sottile pretesa, quel desiderare e pretendere che la realtà si adatti alla propria “immagine e credenza”. La Realtà, essendo di per sé sempre e solo ciò che è, può essere sperimentata al meglio solo quando si è consapevoli che la Vita è un diretto riflesso di sé.

Questo necessario assunto favorisce il contatto con la realtà del proprio Essere, allineandoci alle leggi del Creato. Accedere a questo stato di consapevolezza genera… ulteriore consapevolezza. Questo approccio si rivela comprensibile quando in cosxienza si realizza che l’impersonalità è la nostra vera realtà e che tutto il resto appartiene al mondo immaginifico delle allucinazioni mentali.

La realtà appena descritta è accessibile a chiunque, e si palesa nel momento in cui Intelletto e Cuore, affrancati dalle sovrapposizioni psicologiche (credenze, convinzioni, inclinazioni), comunicano tra loro in modo fluido e armonioso. In questo stato d’essere, il velo che obnubila la realtà della Vita si dirada e ciò che appare, momento dopo momento, è la nuda Verità assisa nel nostro Essere.

Errare è umano, perseverare è diabolico. Buona erranza dunque.

*

Hermes

 

Per leggere tutto il testo completo: clicca qui

 


In apertura: opera di Rafał Olbiński (fonte)

 

Precedente L'Essere Consapevoli (3ª parte) Successivo Amarsi per Essere

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.